Il Responsabile della protezione dei dati personali (Data Protection Officer – DPO) – scheda informativa

2

Pare che il 2016 segni l’esordio del nuovo regolamento privacy europeo. Atteso ormai da anni, e progettato per aggiornare la legislazione europea vigente, che risale a 20 anni fa (Direttiva 46/95), il regolamento ha l’obiettivo di dare contezza giuridica alla rapida evoluzione delle tecnologie, e alla grande mole di dati ora riversata in rete spesso volontariamente dagli utenti – mediante social network ma non solo – e dei nuovi dispositivi mobili, che hanno accelerato le necessità di sicurezza in modo tumultuoso (ad esempio con il fenomeno delle app per smartphone).

Per darVi una cifra descrittiva dell’impellente esigenza per tenere sotto controllo questa “information revolution“, pensate che si stima che le informazioni che sono state prodotte dall’origine del mondo al 2003, ora si producono in un periodo di tempo che va dalle 24 alle 48 ore.

Il Garante Privacy ha voluto dare la misura di questa sensazione a concludere i lavori di emanazione di questo nuovo regolamento pubblicando nel suo sito una scheda informativa per descrivere una delle novità più di rilievo del regolamento, la figura del data protection officer. Vedi scheda di approfondimento
Fonte: Garante Privacy, 26 novembre 2015